Piante

Una serie di articoli da leggere per imparare a curare le vostre piante

New Linea “Carpet”

Posted at 21/08/2012 | By : | Categories : Piante | 0 Comment

Linea Carpet di Anubias, il tappeto in pochi minuti.

Un tappeto rigoglioso di piante nel primo piano dell’acquario è il sogno di molti appassionati, destinato per alcuni a rimanere un miraggio: sovente il tempo da poter dedicare alla nostra vasca è poco, mentre la realizzazione di un tappeto di piante necessita di applicazione e conoscenze. Le particolari tecniche di coltivazione in-vitri permettono di fornire anche piante difficili quali  muschi e felci.

 

Elatine hydropiper “Carpet”

Scheda tecnica Carpet

Luce: intensa

Temperatura: 16 – 26° C

CO2: abbondante

Note: la più piccola pianta “da prato”. Crescita medio rapida, necessita di attenzioni e un’adeguata nutrizione minerale.

 

Hemianthus callitrichoides “Carpet”

Scheda tecnica Carpet

Luce: abbondante

Temperatura: 18 – 26° C

CO2: abbondante

Note: Pianta di mediaa difficoltà, adatta a formare tappeti nel primissimo piano. Necessita di abbonanti concimazioni.

 

Pogostemon helferi “Carpet”

Scheda tecnica Carpet

Luce: abbondante

Temperatura: 18 – 28° C

CO2: abbondante

Note: Pianta facile a crescita veloce, gradisce abbondante disponibiltà di nutrimento. produce rapidamente stoloni che ricoprono il primo piano.

 

Riccia fluitans “Carpet”

 

Scheda tecnica Carpet

Luce: abbondante

Temperatura: 18 – 26° C

CO2: abbondante

Note: Puo crescere galleggiando o fissata a tronchi e roccette. Questa pianta non sviluppa radici!

 

Utricularia graminifolia “Carpet”

 

Scheda tecnica Carpet

Luce: intensa

Temperatura: 22 – 26° C

CO2: abbondante

Note: Pianta adatta a formare bassi tappeti in primo piano. media difficoltà, necessita di costante disponibilità di ferro, ha radici poco sviluppate e fragili.

 

 Vesicularia “Christmas moss” Carpet

Scheda tecnica Carpet

Luce: medio-alta

Temperatura: 18 – 26° C

CO2: ampia tolleranza

Note: Questa rara specie di Vesicularia è ideale per gli acquari dedicati all’allevamento di Caridine e altri gamberetti. Il suo nome è dovuto alla particolare ramificazione delle fronde che ricorda un pò quella degli abeti. Adatta a ricoprire rocce e legni nell’acquario dedicato alle piante.